0AC28199-92BB-43AA-B445-69E52791A187

 

Il Blessingway (percorso benedetto)
è un rito di passaggio Navayo.  E’ la celebrazione di un cambiamento che la persona sta vivendo in un momento della sua vita, un percorso spirituale da fare con le persone per cui proviamo amore, rispetto e fiducia. Il cambiamento della ragazza che diventa donna,  dei giovani che dovranno affrontare combattimenti o prepararsi alla caccia. Donne e uomini che si uniscono per formare una coppia e lasciano la famiglia dove sono nati, e, il cambiamento della donna che è incinta che partorisce e diventa mamma.

Credo che oggi, per lo meno in Europa, il rito del Blessingway stia prendendo importanza per celebrare la donna. Per isolarla dalla routine quotidiana e darle la possibilità di ascoltarsi. Può essere dedicato alla donna che sta per partorire, o che ha partorito, che passa dall’essere donna all’essere madre. E’ in ogni caso una giornata dedicata alla futura madre. È un momento di pausa che la mamma può prendersi per staccarsi dai ritmi frenetici. A questa giornata sono invitate le amiche della mamma, le sorelle, le cugine, o chi la mamma ha piacere di avere vicino.
La mamma non deve pensare a niente e non deve sapere che cosa succederà.
Tutto dipende dalla fantasia della doula e delle amiche che conoscendo la mamma suggeriranno idee giuste per farle piacere.
La cerimonia può avvenire in cerchio con la mamma al centro. L’intento è creare una rete di sostegno tutta al femminile con l’obiettivo di fermare il tempo intorno alla futura mamma; di coccolarla e di sottolineare quanto sia importante essere donna. Di benedirla e onorarla per il miracolo che sta compiendo, portare una nuova vita in questo mondo.
Tutta la festa si svolge intorno alla mamma e l’intento principale è di donarle amore, gioia e serenità.

Un’amica potrà pettinarla
Massaggiarla
Farla bella con abiti femminili
Metterle i fiori fra i capelli
Bagno ai piedi
Dipingerle la pancia

Ogni invitata può portare un pensiero simbolico da donare alla madre, che ha significato dell’amicizia che c’è fra loro due. In questo dono l’amica ripone benedizioni, amore e incoraggiamento.
Può essere un ciondolo, una perlina, in modo da poter formare la “collana del parto” che la mamma si può portare dietro il giorno del parto,per potersi distrarre e pensare al bene che le vogliono le amiche, e riconnettersi a questa giornata passata insieme.

Io amo poter organizzare questo momento con la mamma. Mi emoziono sempre tantissimo e sono grata per la sensazione di serenità che rimane su di me.